News
INNOTEC va in Cina e Usa con gli impianti di microfiltrazione vini

Le tecnologie di microfiltrazione del vino della veronese INNOTEC guadagnano spazio sui mercati mondiali. L'azienda di San Giovanni Lupatoto, fondata nel ’99, attiva nel settore degli impianti filtranti dal 2001, allarga il proprio giro d’affari in Cina e Stati Uniti, ma anche in Sud America, Romania e Moldavia.

La società, partecipata dal gruppo Bertolaso di Zimella, leader mondiale nella produzione di macchine per l’imbottigliamento, e dall’amministratore delegato Luca Zavarise, chiuderà il 2005 con un fatturato di 2,5 milioni di euro, confermando un trend di crescita del 15% rispetto all’anno precedente.
INNOTEC, che occupa 8 giovani dipendenti tra elettrotecnici, informatici e impiantisti, e possiede agenzie commerciali sia in Italia che in Argentina, California, Spagna e Moldavia, è la dimostrazione che anche un’impresa di ridotte dimensioni può essere protagonista nella sfida della globalizzazione, a patto di avere un prodotto ad alto contenuto tecnologico e soprattutto innovativo.
Il 60% del volume d’affari viene generato dalle esportazioni, che raggiungono l’Europa, l’Oriente e le Americhe. In particolare ha venduto i suoi sistemi di automazione e controllo in Spagna (alla Felix Solis, una cantina da 150 milioni di bottiglie l’anno), in Francia, Australia, Argentina e Cile, e ancora in paesi di recente cultura enologica come Israele, Turchia ed India, mentre dallo scorso anno è diventata fornitrice della Golden State Wintners di Fresno (California), multinazionale a cui ha fornito i due più grandi impianti mai realizzati nella storia della filtrazione sterilizzante per vino, capaci di trattare 60mila litri all’ora ciascuno.
Alla Diageo californiana, leader mondiale nell’imbottigliamento e nella produzione di alcolici (controlla i marchi Guiness, J&B, Baileys, ecc.), ha installato un’attrezzatura da 30mila litri all’ora, simile a quelle che vengono commercializzate in Cina. «Da quest’anno», spiega l’enologo Zavarise, 42 anni, «abbiamo allacciato stretti rapporti con Dynasty, una delle principali cantine cinesi che opera a Tianjin, alla quale sono stati venduti tre impianti di microfiltrazione e trattamento acque completamente automatizzati. Stiamo lavorando anche con i gruppi cinesi Kofco di Penglai, Chang You di Yantai e Suntime di Shanghai. L’obiettivo è di coprire questo mercato, che si sta rivelando uno dei più interessanti del mondo».
Tutti i sistemi installati sono in connessione via modem con la sede INNOTEC, che garantisce il continuo controllo delle macchine e le eventuali variazioni di software richieste dai tecnici locali.
«Le previsioni sono di ulteriore crescita», prosegue Zavarise, «perché lo stile “sartoriale” degli impianti, disegnati, progettati e realizzati su richiesta degli acquirenti, sta incontrando il favore del mercato e si traduce in continue richieste. L’aumento interesserà pure l’Italia, dove al portafoglio clienti, che va da Masi a Fontafredda, da Banfi a Campari, si aggiunge la piemontese Giordano con due nuove linee d’imbottigliamento da 7mila e 10mila bottiglie per ora in corso di completamento nella sede di Valle Talloria a Cuneo».
«Investiremo su nuovo personale e soprattutto sulla formazione», conclude, «l’unico elemento in grado di fare la differenza nella competizione interna ed internazionale».

Angelo Cipriani

articolo pubblicato nell'edizione del 12/09/2005 del quotidiano "L'Arena" di Verona

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Nuova Tecnologia Nitrorinser



Scarica il PDF

 


Premio CCIAA 2009

 

INNOTEC Tecnologie Innovative Srl - Via Enrico Fermi, 13c - 37135 Verona (VR) - Italy Tel +39 045 8753072 - Fax +39 045 8757563 - P.I. 02964920231 - sales@innotecitalia.it